I° CONGRESSO DI LAVORO SOCIALE DIGITALE: criticità e innovazione, cosa resta dal lockdown

Con un intervento della ricercatrice Mara Sanfelici, la Fondazione Nazionale degli Assistenti sociali partecipa al I° Congresso di lavoro sociale digitale: trasformare la digitalizzazione in una opportunità di inclusione sociale organizzato da tre università spagnole,  UNED, l’Università di Saragozza e l’Università di Malaga, dal 28 al 30 settembre.  La ricercatrice Fnas, intervenendo alla seconda sezione voluta dall’Università di Palermo, dal titolo: Il servizio sociale e le potenzialità del web, presenterà i primi risultati emersi dal lavoro empirico svolto nell’ambito del progetto di ricerca “Gli assistenti sociali nell’emergenza COVID-19”, promosso e realizzato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali (CNOAS) e dalla Fondazione Nazionale Assistenti Sociali (FNAS). Un’indagine condotta attraverso una web-survey, somministrata nel mese di aprile di quest’anno, a cui hanno partecipato circa ventimila assistenti sociali italiani.

Con l’articolo: “Prossimità a distanza? Il punto di vista degli assistenti sociali italiani sui limiti e le potenzialità del web nella prima fase dell’emergenza COVID-19”, Mara Sanfelici scompone dati qualitativi che consentono di analizzare la prospettiva degli assistenti sociali sulle criticità emerse e lo svolgersi di sperimentazioni innovative rispetto all’utilizzo di strumenti digitali offerti dal web durante il lockdown.

Gli strumenti per la comunicazione digitale sembrano avere aiutato ad “accorciare” le distanze sociali, ricostruendo connessioni, seppur a “distanza fisica”.

Tutto su:  https://congresos.uned.es/w22392/

Fondazione Nazionale Assistenti Sociali